Chi siamo

“Lu Vurgu fa Cantina” nasce nel settembre del 2001, quando un gruppo di ragazzi decide di organizzare una festa del vino in una via del paese da sempre chiamata “lu vurgu” e cioè “il borgo”.

Questa via era stata sempre molto frequentata soprattutto da giovani e bambini fino alla fine degli anni Settanta per poi diventare nel tempo sempre più disabitata. Era infatti un luogo di ritrovo dove vi si facevano i giochi tipici di quegli anni come ad esempio il gioco della campana, dell’elastico, palla a muro, palla avvelenata, nascondino, con “Li carritti”.

Si vuole quindi rivitalizzare la via così nasce l’idea di organizzarvi una festa.

Questa prima festa è quasi improvvisata, nata dalla spontaneità di quanti hanno voluto dare il proprio contributo. È una festa di poche pretese, che si svolge nel solo borgo già menzionato. Una via molto piccola ma che comunque sembrava sufficiente a contenere quelle poche persone, così si pensava, che vi avrebbero partecipato. Chi può addirittura tira fuori di casa i propri tavoli e le proprie sedie e li spande per la via. Tutto si svolge in questa via, tutto è concentrato qui, dalla musica al ballo, dagli stand gastronomici alla Cantina. La gente risponde bene, partecipa in massa, ed è un trionfo, tanto è vero che si fa fatica a camminare. Constatato il successo si pensa già da subito che la festa deve continuare anche negli anni successivi.

Oggi la festa si svolge in tutto il paese dovendo contenere la grande affluenza di persone che vi partecipano. Gli stand gastronomici e le cantine sono ora dislocati in tutto il centro storico, nelle sue vie e nelle sue piazze, compresa la zona de “Lu Vurgu”. Nel corso degli anni la festa è cresciuta di molto sia in presenze, sia in qualità. Il cibo è buono, sano e tradizionale, piatti forti sono i fagioli con le cotiche, la trippa, le grigliate ma per chi vuole cose più semplici, comunque non mancano le bruschette, le patate fritte, le penne, gli gnocchi e tanto altro ancora… e logicamente il buon vino. Dalla decima edizione è stata introdotta anche la “Fiorentina de’ Lu Vurgu”.

Si è puntato anche sulla qualità della musica chiamando grandi e qualificati gruppi musicali.

Grazie all’inventiva di alcuni ragazzi è possibile ammirare una singolare fontana da cui sgorga vino.

Nella decima edizione, constatato il successo avuto, si è pensato di chiudere in bellezza con spettacolari fuochi d’artificio.

Partecipare a questa manifestazione è una occasione anche per visitare Francavilla d’Ete, un connubio felice fra storia, arte, cultura, cucina tradizionale e buona musica. Per facilitare l’accesso alla festa è stato istituito un servizio di bus navetta gratuito che fa da spola tra il parcheggio ed il centro storico di Francavilla d’Ete.

L’ingresso alla manifestazione è gratuito.